Molti automobilisti stanno ricevendo una multa: attenzione a non commettere questo errore

Una multa inaspettata sta colpendo molti automobilisti. I vigili puniscono i trasgressori con particolare inflessibilità. Di che multa di tratta? E come evitare la sanzione?

Il nuovo codice della strada impone una stretta all’uso del condizionatore in auto. In estate, molti automobilisti hanno quindi imparato a gestire l’utilizzo di aria fredda per non incorrere in una multa salata. Ma il problema permane anche con l’arrivo dell’inverno.

Multa per automobilisti - www.081.it
Multa automobilisti (fonte: Pxhere)

Di norma il caldo propagato nelle auto proviene dal secondo radiatore della macchina, quello posto all’interno dell’abitacolo e connesso con il sistema d’aerazione. Ma ci sono anche tanti veicoli che sfruttano il calore dell’impianto di condizionamento. Oppure che usano l’aria condizionata per evitare che con il freddo esterno i vetri si appannino continuamente. In più c’è chi sfrutta l’aria condizionata d’inverno per deumidificare abbassando l’umidità dell’aria.

L’utilizzo di queste funzioni potrebbe però costare molto caro agli automobilisti, visto che la legge (per questioni ambientali, quindi per ridurre le emissioni di CO2) ne punisce lo sfruttamento durante le soste e anche durante alcune attese. Per esempio quando ci si ferma per aspettare qualcuno sotto casa.

Anche d’inverno, quindi, bisogna prestare attenzione perché in alcune circostanze gli automobilisti possono essere sanzionati con una multa. Si tratta della famosa multa per l’aria condizionata in auto voluta dalle nuove norme del codice della strada.

Multa per l’aria condizionata: pericolo per gli automobilisti

Multa per automobilisti - www.081.it
Auto in sosta (fonte: Pxhere)

L’articolo 157 del codice della strada obbliga infatti il conducente a spegnere l’aria condizionata nel momento in cui la vettura risulta in sosta. È vietato lasciare il motore acceso. E quindi non è possibile tenere l’auto in moto solo per far funzionare l’aria condizionata. La decisione, sorta nel 2007, è stata aggiornata e resa più stringente nell’aprile del 2022.

L’importo della multa per l’aria condizionata accesa all’interno dell’auto, nel momento in cui il veicolo è fermo o in sosta, va da 223 € fino a 444 €. Ma non tutti gli automobilisti sono a conoscenza di questa multa, né hanno ben presente cosa significhi una sosta. Con una fermata, cioè con un arresto non prolungato, la sanzione non viene applicata.

Dunque la multa è prevista soltanto in caso di sosta del veicolo, qualora si lasci il motore acceso per mantenere l’abitacolo climatizzato. Non sono punibile invece l’arresto e la fermata. La sosta è una fermata prolungata del veicolo, cioè una condizione (in realtà un po’ ambigua) che implica una sospensione della marcia di lunga durata e la possibilità per il conducente di allontanarsi dal veicolo.

LEGGI ANCHE: Auto elettriche, c’è un fattore positivo: “È 64 volte minore rispetto alle tradizionali”

L’arresto è l’interruzione della marcia provocata dai semafori o dal traffico. Infine, la fermata è una sosta molto breve, consentita anche un zone in cui è vietata la sosta vera e propria. Un esempio: quando il veicolo si ferma per far scendere o salire dei passeggeri o scaricare dei bagagli.