Come pulire la candeletta della stufa a pellet in poche semplici mosse

Pulire la candeletta della stufa a pellet è un’operazione fondamentale per la sua corretta manutenzione e non occorre un professionista.

Questo significa che, mantenendo pulita ed efficiente la candeletta, è possibile rimandare o addirittura evitare interventi tecnici più complessi. La stufa durerà di più, funzionerà in maniera più stabile e si risparmieranno molti soldi.

pulire candeletta stufa pellet
La pulizia della candeletta della stufa a pellet va eseguita regolarmente (081.it)

La candeletta della stufa a pellet è un resistore elettrico responsabile dell’accensione del pellet. In pratica, quando la corrente attraversa la candeletta il filamento al suo interno diventa incandescente e provoca la combustione del pellet nell’apposita camera di combustione.

Com’è facile osservare, però, i residui della combustione del pellet si diffondono su tutte le superfici interne della stufa e rimangono saldamente attaccati ad esse.

Proprio per questo motivo il vetro della camera di combustione diventa velocemente nero la candeletta viene spesso ricoperta di residui cominciando a sviluppare problemi di funzionamento.

Come pulire la candeletta della stufa a pellet

manutenzione stufa pellet fai da te
(Canva)

La candeletta della stufa a pellet va pulita sicuramente all’inizio dell’inverno e in seguito periodicamente, in maniera che possa funzionare sempre nella maniera corretta.

Per eseguire la pulizia in maniera efficace ma soprattutto sicura è necessario prima di tutto spegnere la stufa, staccare la spina dalla presa ed eventualmente aspettare che l’intero apparecchio sia completamente freddo.

A questo punto serviranno:

  • guanti da lavoro (ottimi quelli da giardinaggio)
  • spazzola di metallo (quelle realizzate in ferro sono più aggressive mentre quelle di rame o di ottone risultano più delicate)-

Per accedere alla candeletta basterà aprire l’apposito sportello di accesso che tutti i modelli di stufa a pellet prevedono proprio a questo scopo.

In alcuni casi potrebbe essere necessario rimuovere ed estrarre la candeletta al fine di poterla pulire in maniera più accurata.

Dopo aver eliminato i residui di pellet bruciato dalla candeletta li si dovrà raccogliere con uno straccio o co un tovagliolo di carta al fine di non lasciarli all’interno della camera di combustione. Se così fosse, si riattaccherebbero in un istante nel momento in cui la stufa verrà riaccesa.

LEGGI ANCHE: Piastra del ferro da stiro sporca e appiccicosa? Si pulisce in due minuti

Val la pena di sottolineare che se la candeletta non risulterà ben allineata dopo la pulizia la stufa non si accenderà oppure farà molta fatica ad accendersi. Questo significa che bisogna prestare la massima attenzione a riposizionare la candeletta nella maniera corretta dopo aver eseguito la pulizia.

Se anche dopo la pulizia e un corretto riallineamento la candeletta non dovesse accendersi oppure dovesse accendersi con fatica e in maniera incostante, sarà necessario sostituire la candeletta e, in questo caso, è meglio chiamare un tecnico specializzato che possa eseguire l’operazione in sicurezza.

Impostazioni privacy